Polemica concitata a Omnibus (La7) tra il deputato Pd, Francesco Boccia, e il segretario generale della Fim Cisl, Marco Bentivogli. Quest’ultimo accusa il Pd di non far valere il principio di maggioranza nelle votazioni al Parlamento: “Purtroppo nel Pd ognuno vota come gli pare, cioè come in una cooperativa. Già al governo il gruppo parlamentare del Pd votava a seconda delle sensibilità personali. Penso che all’opposizione questa vocazione non maggioritaria sia ancora più esplicita. Questo porterà alla sepoltura definitiva del Pd”. Boccia non è d’accordo: “Veniamo da una legislatura in cui i gruppi parlamentari del Pd hanno sempre fatto quello che ha detto il segretario del partito”. “Non è vero, ci sono i dati” – ribatte Bentivogli – “il gruppo parlamentare meno disciplinato è stato quello del Pd. Il M5S e il centrodestra votavano secondo la decisione maggioritaria”. “Stiamo parlando di numeri diversi” – ribadisce Boccia – “sono state fatte tutte le leggi che la segreteria del Pd ha, in alcuni casi, ordinato”. “Non ce ne siamo accorti. Frequento poco il Pd” – rincara il sindacalista – “Quelle leggi sono state attaccate pure da chi le aveva votate”. Si scatena la bagarre. Il deputato Pd ripete che le indicazioni del partito sono state seguite pedissequamente, Bentivogli smentisce: “Il Jobs Act l’avete votato tutti?”. “Chi non l’ha votato è andato via”, risponde Boccia. “Ti ricordo che Jeremy Corbyn ha sempre votato con Tony Blair”, controbatte Bentivogli. “Vedo che Bentivogli fa l’avvocato difensore di Renzi”, replica il parlamentare. “Gli elettori e i lavoratori italiani si ritrovano in queste trasmissioni tv persone scatenate contro la legge Fornero, che però hanno votato” – si sfoga il sindacalista – “Altre persone sono scatenate contro il Jobs Act, ma l’hanno votato. Uno dice allora che sono dei dissociati. Serve lo psichiatra oppure torniamo a una politica che fa quel che dice?”. “Quelli sono da internare”, commenta Boccia, che nel finale è rimbrottato dalla conduttrice Alessandra Sardoni.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pd, Prestipino: “Discorso giovane militante? Non siamo marci. Ha usato lo stesso linguaggio dei grillini”

next
Articolo Successivo

Reddito di cittadinanza, nuova lite in diretta tra Romano (Pd) e Nogarin (M5s). Civati: “Vi lasciamo da soli?”

next