Nuova punta di acqua alta a Venezia, con una massima di 104 centimetri sul medio mare. Un livello notevole (marea sostenuta, ‘codice giallo’ nella scala di allerta), ma inferiore alla punta massima di 119 cm raggiunta ieri sera. Il dato di 104 è stato misurato al mareografo di Punta della Salute, in città, mentre in mare è stata registrata una massima di 107. Il fenomeno, spiega il Centro Maree del Comune di Venezia, è stato causato dalla sessa (l’onda ciclica che interessa l’alto Adriatico) innescata dall’alta marea. La ‘sessa’ si è presentata in anticipo, andando a sommarsi alla marea astronomica. Sotto il profilo statistico, il Centro maree segnala che il numero eventi di acqua alta superiori agli 80 centimetri in questa prima parte del 2018 ha eguagliato quelli registrati nei primi sei mesi dell’anno scorso

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tromba d’aria a Caserta, le immagini girate dagli abitanti. E il fulmine accende l’enorme imbuto

next
Articolo Successivo

Papa Francesco, tutti i nemici nei 5 anni di Pontificato: dai prelati amanti del lusso ai politici corrotti

next