Giovane sbarbatello, apparentemente senza carisma, con quella faccia e quel modo di fare che non gli daresti due lire, senza alcuna esperienza di rilievo alle spalle. Non è il prossimo presidente incaricato da Mattarella, bensì il MasterChef dell’edizione numero 7. Simone Scipioni, quasi 22 anni, imbullettato da una vita a Montecosaro (bellissimo ma minuscolo borgo in terra pontificia) perché di viaggiare non gliene frega nulla ed è già tanto se è stato a Macerata. Cresciuto senza genitori ma con la sorella, la nonna che guardava cucinare e il cane Rocher, Simone studia scienze dell’alimentazione. Con la vittoria di Simone, la settima edizione – dopo la parte poliziesca con le inchieste alla moviola, quella da criminalità di strada con mezze risse e quella un po’ a tirare a campare delle ultime due settimane – rivela finalmente il suo taglio finale, trasformandosi definitivamente in un romanzo di formazione. E’ la storia di Simone, appunto, partito con l’impeto di un ectoplasma e arrivato triturando tutto, in particolare – in semifinale – l’esondante self-confidence di Alberto.

Ma è la storia anche dell’altra finalista, Kateryna Gryniukh, 24 anni, ucraina di Mageriv, nella regione di Leopoli, che a un certo punto si è innamorata di un salernitano e anche dei sapori della cucina italiana. Anche lei ha continuato a diventare rossa, fino a sorprendersi di essere la migliore, ma con quella determinazione ucraina tra il militare e il sentimentale (ma sì, un po’ di luoghi comuni alla grossa) è andata vicina tanto così dalla vittoria. Anzi, probabilmente si è fregata da sola con una rana pescatrice impiattata praticamente cruda dopo i primi piatti bomba, nel sapore e nell’impiattamento. Senza quell’errore, la decisione dei giudici sarebbe suonata quasi come scandalosa.

MasterChef cazzeggia parecchio perché la televisione non è un pranzo di gala, ma restituisce anche un po’ di lezioncine. La più evidente – ribadita una volta di più – è che alla fine si vince, se ci si mettono lavoro, sacrificio, un po’ di fiducia in se stessi, un pizzico di ambizione lasciando tra i verboten la superbia.

Come si vede La Sila si impegna a essere per una volta un po’ meno gigiona, si è anche messa in lungo per l’occasione, anche se non così aggressiva come la Klugy che invece si è presentata giù da gara. Per chi non l’ha vista o la vuole rileggere, insomma, ecco come La Sila ha visto la finale delle finali.

MasterChef 7, il vincitore è Simone: il 21enne che pareva “senza carisma”. Kateryna cade su una rana pescatrice cruda (e no, non si può)

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mantanus suona Bach come se fossero i Daft Punk: “L’elettronica mi fa riscoprire la creatività”

next
Articolo Successivo

Ballando con le stelle, l’unico posto in cui la “rivoluzione” non passa. Ma riparte dalla danza “same sex” (che fa arrabbiare Adinolfi…)

next