Cos’è che succede la prossima settimana, un risultato atteso ormai da mesi, che finalmente darà qualche risposta al Paese? Bravi: il vincitore della settima edizione di Masterchef. Così alla quartultima e alla terzultima puntata la soglia di sbarramento di Masterchef si fa sempre più una cosa seria, non come quell’altra roba che succede domenica che viene. E il tasso agonistico assomiglia sempre di più alla finale di biathlon, con la differenza che ci sono molti più spettatori, anche in studio.

Prima di spoilerare chi è stato eliminato dalla cucina, la Sila vuole fare una scommessa con i suoi dodici lettori: Masterchef lo vincerà Simone il maceradese, che in questa edizione è nato ameba, si è sviluppato come muffa, è cresciuto come coniglio, ma improvvisamente si è trasformat in un cavallo in corsa e ora in un drago a tre teste. Una metamorfosi che Mago Merlino scansati. Fino a qualche puntata fa non lo faceva ridere nemmeno un culo ignudo e ora invece butta dentro creatività come se avesse come coinquilino da due anni Kokoschka. Scommessa fatta: se la Sila perde, chi condivide questo pezzo avrà in regalo quello che troverete all’ultima pagina; se la Sila vince, potrà accontentarsi di essere portato dalla produzione di Masterchef per una settimana in ogni posto in cui è stata fatta una prova in esterna, tutti posti bomba che bisognerebbe andare alla più vicina stazione dei carabinieri per costituirsi per la dose di invidia sociale che provocano.

E ora spazio agli spoiler (sempre meno sgradevoli della timeline vigliacca e infida dei social).

Masterchef, i finalisti decisi da 7 platesse e dalla sindrome di D’Alema (ma aridatece er sangue)

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sky e Netflix convolano a nozze. Un’alleanza prima al mondo nel suo genere

next
Articolo Successivo

Uomini e Donne, Tina Cipollari continua a ‘bullizzare’ Gemma Galgani: un cattivo esempio che non fa più ridere nessuno

next