I deputati Liberi e Uguali sono disponibili ad appoggiare un esecutivo guidato dal Movimento 5 stelle. E soprattutto potrebbero fare da “ambasciatori” con il Partito democratico. È il senso di un post pubblicato su facebook da Erasmo Palazzotto, deputato siciliano rieletto da LeU a Palermo e considerato molto vicino a Pietro Grasso. “Io penso che occorra valutare seriamente le proposte programmatiche del Movimento 5 Stelle e che occorrerà confrontarsi con il Partito Democratico per verificare se ci sono le condizioni per costruire una maggioranza di governo nell’interesse generale del Paese”, scrive il parlamentare proveniente da Sinistra Italiana.

“Una cosa è certa – continua Palazzotto – restiamo indisponibili a qualsiasi confronto con Salvini e Berlusconi. Con la destra l’incompatibilità non è solo programmatica, ma anche culturale ed etica. Liberi e Uguali è una forza politica che rappresenta oltre un milione di cittadini italiani, e proprio per questo credo che non si dovrà sottrarre alla responsabilità di provare a dare un governo al Paese. Se non ci saranno le condizioni saremo opposizione e continueremo a lavorare e ad impegnarci per difendere gli interessi dei più deboli nel Parlamento e nel Paese”.

Una posizione, quella del parlamentare, che in pratica conferma quanto anticipato dal fattoquotidiano.it nei giorni scorsi. E cioè che Grasso, figura istituzionale molto vicina al Presidente della Repubblica, potrebbe giocare un ruolo fondamentale strategico: da una parte i suoi hanno già detto di essere disponibili ad appoggiare i grillini, dall’altra continua ad avere buoni contatti dentro il Pd. In più è molto ascoltato da Mattarella. Che non è assolutamente “interventista” come il predecessore Giorgio Napolitano. Ma da arbitro e custode della Costituzione in questa fase ha un unico obiettivo: verificare in ogni modo l’esistenza di una maggioranza che sostenga un governo prima di rimandare il Paese alle urne.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Governo, nessun sistema poteva dare maggioranza. Ma con un premio o sfide secche di collegio sarebbe stata più vicina

prev
Articolo Successivo

Elezioni, la via tedesca: dalle accuse di “clientelismo statalista” e “attentato alla democrazia” alla Grosse Koalition

next