“Davvero una bella notizia. Ma adesso si apre una fase piena di responsabilità. Io appartengo alla patria, ma anche ai territori che mi hanno eletto. Non bisogna dimenticare da dove si viene”. Cioè dalla Nigeria, se la intendiamo in senso letterale. Toni Iwobi però, non si riferisce al suo paese d’origine, ma alla Lombardia, dove gli elettori del centrodestra l’hanno proclamato primo senatore nero della storia d’Italia. Residente a Spirano in provincia di Bergamo, responsabile immigrazione della Lega e nel Carroccio da 25 anni, Iwobi è entusiasta dell’elezione arrivata dopo “tanti anni di appartenenza” al partito. E chiarisce subito: “Sono di colore e sono della Lega, e allora? Se crede che le due cose siano in contraddizione, si sbaglia. Le chiedo: c’è forse scritto da qualche parte che un nero non può votare a destra? L’Italia è o no un paese democratico? Sì, e quindi ho il diritto di appartenere all’area politica che voglio. E io sono Lega dal 1993, da quando era federalista. E ci credo ancora”.

Lei è di colore ed è della Lega, che non è certo paladina della difesa dei diritti dei migranti come lei. 
Bene, storicamente le do ragione. Ma guardiamo a quello che succede oggi e al futuro. La sinistra paladina dell’immigrazione regolare non c’è più. Quando sono arrivato io in Italia a 22 anni avevo un visto di studio. Allora nessuno poteva entrare nel paese senza un regolare permesso. Bene, oggi non è più così. E sia chiaro: la Lega non è contro l’immigrazione, che non si può fermare e che è scritta nel Dna delle persone. Vogliamo soltanto regolamentarla, anche per difendere gli immigrati regolari. E per tutelare la dignità per chi scappa da zone di guerra e di conflitto. Ma finché esistono i confini nazionali deve esistere anche il reato di clandestinità.

Quindi la Lega tutela i migranti?
Certo. In questi ultimi anni chi ha parlato di loro? Solo in Lombardia ci sono 1,3 milioni di migranti regolari e il 40% di loro ha subito gli effetti più dolorosi della crisi.

E la Lega ha pensato a loro?
Sì, ma non era al governo e non ha potuto fare niente. Bisogna riportare ordine in ambito immigrazione, che non deve costare un centesimo alle tasche degli italiani e non può costare neanche 15mila morti nel Mediterraneo. Per questo molti migranti regolari hanno votato la Lega.

Lei ricorderà che da tanti esponenti di spicco della Lega sono arrivate parole molto pesanti verso le persone di colore. Dall’ex sindaco di Treviso Giancarlo Gentilini che riferito agli immigrati diceva “bisognerebbe vestirli da leprotti per fare pim pim pim col fucil” fino a Roberto Calderoli che aveva paragonato Cecile Kyenge a un orango. E di esempi ce ne sarebbero molti altri.
Dice che ci sono state molte parole brutte? Io dico che siamo esseri umani e che non si può sempre guardare al passato. Lei deve pensare al futuro del paese, non a queste cose.

Dall’ultimo rapporto di Amnesty International risulta che il 95% delle frasi xenofobe proviene dal centrodestra e che tra i leader politici Salvini guida la classifica.
Lo spauracchio infondato di un ritorno del fascismo e del razzismo è quello che ha penalizzato la sinistra a queste elezioni. Vuole dirmi che Salvini è razzista? Io non vedo niente di tutto questo, come non vedo che sia contro gli immigrati. Un immigrato regolare è suo fratello ed è stato lui a mettermi a capo del Dipartimento immigrazione della Lega. Sono tutte cose inventate che non esistono. Il problema reale non è il fascismo o il razzismo, ma il lavoro che non c’è.

E cosa dice di Luca Traini che a Macerata ha sparato contro alcuni immigrati ed era anche stato candidato alle comunali nel 2017 per la Lega a Corridonia?
Lei sta elencando cose per dipingerci razzisti. E’ un episodio che tutti nella Lega abbiamo condannato, a partire da Salvini. Ma non dimentichiamoci anche che a Macerata è stata ammazzata brutalmente una ragazza. Tutti e due gli episodi sono da condannare.

Veniamo a un altro caso di cronaca: quello della mamma madre adottiva di due bimbi africani che subiscono gli insulti razzisti degli adulti.
Basta io la fermo, non voglio parlare di episodi pilotati.

Pilotati? Da chi?
E’ tutta polemica, non sussiste. E poi sto anche arrivando nel posto dove devo andare, quindi facciamo in fretta. Salvini non è un mangiabambini.

Quindi a quella mamma preoccupata cosa dice?
Che non c’è nessun rischio, che deve stare tranquilla.

Senta, un’ultima domanda: che fine ha fatto Sandy Cane, prima sindaca leghista di colore?
Non lo so, non ci sentiamo più da anni, lei ha anche il mio numero. Non so se è uscita dalla Lega.