“Un’uscita stupida ed infelice in un momento in cui stiamo lavorando bene”. Non può dire di più la sindaca leghista e afroamericana di Viggiù, Sandy Cane, che ha commentato le pesanti affermazioni che il suo compagno di partito Roberto Calderoli ha pronunciato sul ministro Kyenge. “Io sono solo una semplice militante, non ho potere”, spiega Cane, che rimanda ogni decisione ai “capi” del Carroccio: “Dovranno prendere una decisione come per Borghezio, che sia uguale”. Nel 2011 l’europarlamentare venne infatti sospeso dalla Lega per tre mesi quando accusò la società multirazziale di aver causato la strage di Oslo e di aver generato il killer Breivik  di Alessandro Madron

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Calderoli di lotta e di governo: dalla t-shirt con la vignetta di Maometto al “Maiale day”

next
Articolo Successivo

Kazakistan, Vendola: “Mozione di sfiducia contro Alfano atto di igiene istituzionale”

next