“Elezioni? È evidente che un italiano su due abbia votato il M5s o la Lega. E certamente è una denuncia sull’inefficienza dell’establishment, che riguarda in particolare Renzi e in minore parte anche Forza Italia“. Sono le parole pronunciate a Otto e Mezzo (La7) dal filosofo Massimo Cacciari, che aggiunge: “Mi aspettavo una forte affermazione del M5s e una sconfitta netta del Pd, bastava girare per il Paese per capire il grado di simpatia di cui godeva il Pd e il suo segretario. Non mi aspettavo questo grande sorpasso della Lega rispetto a Forza Italia. E questo è uno degli elementi caratterizzanti del voto, perché renderà estremamente difficile che la coalizione di centrodestra rimanga insieme. Perché rimanga unito il leader indiscusso deve essere Salvini e credo che Berlusconi sia abbastanza insofferente di fronte a una prospettiva del genere. Se ci sarà un alleato possibile del M5s, sarà certamente Salvini e mai e poi mai Berlusconi”. Poi si sofferma sul leader del Pd: “La crisi del partito arriva da lontano, io l’ho sempre detto. È un partito che non è mai stato un partito e che non è mai nato: è una convivenza coatta di sensibilità, culture, prospettive completamente diverse. Sicuramente assisteremo una cosa simile alla spaccatura del Pd, ma non subito. Ci vuole una segreteria di transizione” – continua – “Con Zingaretti che vince nella Regione Lazio si potrebbe avere una carta per il Pd, che così perché è l’unica figura vincente che tiene insieme i cocci anche con Liberi e Uguali. Renzi? Non è mai stata la persona giusta, lui con la sinistra non c’è mai c’entrato niente”. Cacciari, infine, si pronuncia sul M5s: “Mi interessa vedere se i 5 Stelle, quando assumeranno una responsabilità di governo, riusciranno a fare quelle politiche sociali, anche di carattere molto spinto, che hanno promesso e che costituiscono l’asse del loro programma. Credo che incontreranno la macroscopica contraddizione storica che politiche di questo genere incontrano in tutti i Paesi occidentali almeno da 35 anni a questa parte. Vedremo come se la caveranno”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Risultati elezioni 2018, al centrodestra mancano 56 seggi per la maggioranza. Il M5s avrà 221 deputati – LA DIRETTA

next
Articolo Successivo

Elezioni 2018, ci avete imposto una legge criminale per scongiurare la vittoria M5s. Ora fateci un governo

next