C’è la passione politica, ma c’è anche una vita fatta di cose concrete. Che forse prevale, se è vero che nella notte tra domenica e lunedì moltissimi sono andati a cercare “reddito di cittadinanza” su Google. Un termine chiave della campagna elettorale del Movimento 5 Stelle, una misura sociale passata come sussidio statale per tutti i cittadini (cumulabile con altri redditi) ma che in realtà riguarda solo disoccupati e persone in stato di povertà relativa. E ora che il Movimento si è aggiudicato oltre il 30% dei voti, gli elettori vogliono sapere quanto gli spetta.

Il grafico qui sopra indica l’andamento della voce “reddito di cittadinanza” nell’ultima settimana tra i Google Trends, le ricerche fatte in Italia sul motore di ricerca: si vede chiaramente un’impennata nelle ricerche a partire dalla notte del 5 marzo, quando ancora era in corso lo spoglio delle schede, con un picco alle 21.00 di lunedì. In particolare, i dati mostrano come l’argomento interessi soprattutto chi vive in Calabria, Sardegna Molise e Abruzzo, regioni in cui si è registrato più traffico sul tema. Seguono poi Marche, Umbria, Puglia, Campania e Sicilia. Tutte regioni in cui i 5 Stelle si sono aggiudicati il maggior numero di voti.

Più nel dettaglio, le città da cui proviene il maggior numero di ricerche sono Castelfidardo, Iglesias, Acireale, Rossano Stazione e Bollate. E ancora: Santa Maria Capua Vetere, Agropoli, Fabriano e Vasto. Chiudono la classifica invece Mondovì, Seriate e San Donato Milanese.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni 2018, con il 21% Salvini è il nuovo ras di Macerata

next
Articolo Successivo

Elezioni, Salvini: “Un governo senza il centrodestra? Sarebbe molto strano. A noi parte del voto di sinistra”

next