Un uomo ha tentato di aggredire con un’ascia, poco prima delle 17, Vincent De Maio, speaker di Radio Padania, davanti alla sede della Lega di via Bellerio a Milano, mentre all’interno i giornalisti attendevano la conferenza stampa di Attilio Fontana. E’ proprio De Maio a raccontare ai microfoni della radio leghista la sua testimonianza: “Ringrazio il Signore che vede e provvede da lassù. Tranquillizzo tutti, purtroppo in giro ci sono pazzi. Ho finito il turno qui in radio, sono uscito per tornare a casa e prendere la metro, ma a 300 metri dai cancelli ho incontrato un signore di circa 60 anni, apparentemente tranquillo, che mi ha guardato e mi ha chiesto: ‘Sei un leghista?’. Gli ho risposto di sì e lui mi ha urlato: ‘Leghista di merda!’. Poi ha cominciato ad avvicinarsi per cercare la rissa. Successivamente questo signore ha cominciato a esagerare pesantemente” – continua – “dicendo che ci avrebbe ammazzato tutti. A un certo punto, da dietro la schiena ha tirato fuori un’ascia, che sembrava appena acquistata. E mi ha detto: ‘Ti ammazzo’. Ho cercato di allontanarmi e ho chiamato subito i militari lì vicino. Devo ringraziare anche un signore che ha visto tutto dalla sua finestra e ha chiamato subito i carabinieri”. Poi aggiunge: “Mi ha gridato anche ‘Italiani di merda’ e c’era anche una signora col passeggino. Ha detto che si era fatto 30 anni di carcere e che era malato di Aids. Mi hanno riferito che abita proprio qua vicino, ma la cosa assurda è: come faceva a girare con un’ascia? Ho avuto la sfiga di incontrarlo io. La polizia e i carabinieri hanno arrestato questo signore, ma hanno fatto una fatica incredibile a fermarlo”. De Maio poi mostra un’immagine dell’aggressore, immortalato da lui stesso con il suo smartphone

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Milano, tenta l’aggressione a un leghista in via Bellerio: fermato. Il testimone: “Aveva un’accetta e inveiva contro i politici”

prev
Articolo Successivo

Firenze, la rabbia della comunità senegalese. Caos in centro: vasi rotti e recinzioni divelte

next