Politici ai seggi, ma questa volta niente privilegi. La coda si fa e si fa tutta, nessuno rischierebbe la figuraccia di aver saltato la fila. Non ad urne aperte. E così nel corso della giornata, ognuno nel suo seggio, i big hanno fatto da testimonial agli errori e ai ritardi che hanno complicato le operazioni di voto in tutta Italia (leggi l’articolo). E se Romano Prodi non sa spiegarsi la lunga coda (“Non so se sia l’affluenza o le nuove procedure”), Giorgia Meloni chiede direttamente al presidente di seggio, che conferma: “Le nuove procedure hanno allungato di molto i tempi”. E c’è infatti chi sbaglia. Pier Luigi Bersani infila le schede nei contenitori senza aver tolto il famigerato tagliandino antifrode. La presidente gli fa notare che sta sbagliando, ma è troppo tardi. “E’ diventata complicata sta roba”, è il commento del candidato di LeU. Dalla coda alla folla per Luigi Di Maio, che per ringraziare del tanto calore si concede un predellino di berlusconiana memoria

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Elezioni 2018, vedo bene una coalizione di governo 5stelle con Fratelli d’Italia e Lega

prev
Articolo Successivo

Gli oscar delle elezioni 2018

next