“Comunque vadano le elezioni, resterò segretario del Pd fino al 2021. Sono le primarie a decidere il segretario”. Sono le parole del leader del Pd e candidato al Senato, Matteo Renzi, ospite di Omnibus (La7). E attacca Lega e M5s: “Noi non veniamo a raccontarvi barzellette. Se pensate di affidare il vostro futuro in mano agli apprendisti stregoni e a quelli che ragionano di estremismo e di uscita dall’euro, Grillo o la Lega sono la vostra risposta. Ma se volete la solidità, serietà e un Paese che continua a crescere, la scelta è il Pd”. Poi si sofferma sul candidato M5S al ministero dell’istruzione, Salvatore Giuliano: “Ho postato un video del 21 novembre 2015, cioè 6 mesi dopo l’approvazione della Buona Scuola. Questo professore molto bravo è uno di quelli che abbiamo utilizzato, è un preside e lo abbiamo coinvolto per darci una mano a scrivere la Buona Scuola. E poi è stato consulente non solo di Stefania Giannini, ma anche di Valeria Fedeli per l’attuazione della Buona Scuola. Ieri Giuliano ha detto che la Buona Scuola va riscritta. Come dice quella canzone di Fiorella Mannoia? Come si cambia, per non morire. Ma di che parliamo?”. E rincara: “Il M5S ha fatto una bellissima operazione di marketing, stava in difficoltà perché aveva candidato degli impresentabili. Quindi, chi di voi vota M5S, troverà nomi di impresentabili. E non lo dico io, ma lo stesso Luigi Di Maio. Hanno cioè candidato piccoli truffatori, da Pesaro a Rimini, dal Lazio alla Toscana, e adesso, non sapendo come fare, si sono inventati questa misura dei fantaministri. E’ una trovata del grande guru della comunicazione del M5S” – continua – “Sulla scuola mi hanno massacrato, mi hanno offeso, hanno insultato me e mia moglie, sui social mi hanno detto di tutto augurandomi la morte per la Buona Scuola. E poi mettono come fantaministro della Scuola uno che ha scritto la Buona Scuola. Questo è il gioco delle figurine”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni 2018, lo sport nelle urne: Forza Italia punta sui nomi, il Pd sui regali di Lotti. M5s raccoglie consensi nella base

next
Articolo Successivo

Steve Bannon a Roma, chi c’è dietro l’endorsement dell’ex stratega americano per Matteo Salvini

next