“È la prima volta che un dirigente scolastico ricopre questo incarico: è il dirigente dell’Istituto Majorana di Brindisi, l’istituto più  innovativo, ha rivoluzionato il metodo scolastico, è Salvatore Giuliano“. Così Luigi Di Maio negli studio di L’aria che tira su La 7, ha annunciato il ministro all’Istruzione scelto dal Movimento 5 stelle. Salvatore Giuliano ha subito replicato alle polemiche sulla recente visita di Di Maio nel suo istituto. “Non è stato un intervento di natura politica: Di Maio ha visitato la nostra scuola ed ha appreso quello che facciamo da tanti anni. Tutto il resto è una polemica strumentale”. Mentre sulla Buona scuola ha aggiunto: “I 130mila stabilizzati sono sicuramente una buona notizia. La Buona scuola non va abolita ma superata e migliorata”. Al termine della diretta la precisazione: “La buona scuola è un provvedimento disastroso, che ha distrutto la vita di migliaia di insegnanti”, afferma Giuliano in merito alle sue dichiarazioni a “L’Aria che tira” su La7. “Le mie parole sono state strumentalizzate”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Elezioni, Bersani: “Pd? Una bella faccia di bronzo. Il M5s va criticato per altro, non per Spelacchio che di notte era bellissimo”

prev
Articolo Successivo

Elezioni, Di Stefano (M5s): “A chi chiederemo i voti per governare? A Leu, a Potere al popolo ma anche a destra”

next