“Quando mio marito, Angelo Rizzoli, era in carcere mi chiedeva di contattare Agnelli, Craxi, Andreotti. Andai da quest’ultimo, che mi gelò chiedendomi cosa sapessi delle azioni del Nuovo Banco Ambrosiano“. Eleonora Giorgi consegna a La Confessione di Peter Gomez, in onda sul canale Nove il 2 marzo alle 23, il racconto della sua gioventù ribelle, della dipendenza dall’eroina e del matrimonio non proprio dorato con Angelo Rizzoli, editore del gruppo Rizzoli-Corriere della Sera dal ’78 all’83. Una vicenda amorosa che incrocia gli scandali più bui della prima Repubblica, dalla Loggia segreta P2, al crac del Banco Ambrosiano, passando per la misteriosa morte del banchiere Roberto Calvi, trovato con una corda stretta attorno al collo, a Londra, il 18 giugno 1982.

L’anno prima, il marito di Eleonora Giorgi è in carcere. Il suo nome compare negli elenchi della Loggia Propaganda Due rinvenuti a villa Wanda, una proprietà di Licio Gelli a Castiglion Fibocchi, nell’aretino. Un sequestro che scuote l’Italia intera. Tra i 962 iscritti compaiono i nomi dei personaggi più in vista dell’epoca, tra cui Angelo Rizzoli (tessera 532), l’allora direttore de Il Corriere della Sera Franco Di Bella e il direttore generale Bruno Tassan Din. “Quando scoppiò lo scandalo, come lo avete affrontato in casa?”, chiede Peter Gomez. “Io ero nel pieno della mia carriera. – ricorda la Giorgi – Improvvisamente notai che tutto intorno a me era diverso, anche sul set. Mio marito ridicolizzava quell’elenco e negava completamente: quando gli ho chiesto di cosa si trattasse, mi ha risposto: ‘Cosa ne so, si tratterà di un club di amici, figurati se io sto con il compasso e i cappucci in testa’”. E ancora, “mi disse: – racconta l’attrice – ‘Io non accetto critiche da nessuno, meno che mai da te: se ti va è così, altrimenti la porta è là’”. Rizzoli, però, finisce in carcere per bancarotta e chiede alla moglie di intercedere per lui andando a trovare, tra gli altri, Andreotti, Craxi e Agnelli. “Cosa le disse l’allora presidente del Consiglio?”, domanda il giornalista. “Per prima cosa mi disse: ‘Lei sa qualcosa del passaggio delle azioni del vecchio al nuovo Banco Ambrosiano?’ E io lo guardai esterrefatta: ‘No, presidente, io non so nulla‘.

L’intervista a Eleonora Giorgi, che quest’anno debutta a Ballando sotto le stelle, segue la puntata della scorsa settimana con ospite Anna Mazzamauro. Dopo i buoni risultati d’ascolto, la seconda stagione del programma torna sul canale Nove il venerdì, alle 23, subito dopo Fratelli di Crozza, lo show satirico di Maurizio Crozza. Tutte le puntate della prima stagione (Emilio Fede, Alex Schwazer, Lele Mora, Vittoria Schisano, Vittorio Sgarbi, Alba Parietti, Antonio Di Pietro, Erri De LucaMalena, Giacobbe Fragomeni, Vanna Marchi, Vittorio Cecchi Gori), l’intervista esclusiva a Fausto Bertinotti e le prime due della seconda stagione (Marco Baldini e Anna Mazzamauro) sono disponibili in abbonamento sul sito e sulla applicazione di Loft.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

“Prima che il Gallo canti”, su Loft il docu-film sul prete di strada. “Aspettiamo di trovare un altro come lui”

prev
Articolo Successivo

La Confessione, Eleonora Giorgi su Nove: “Vi racconto le notti a base di droga a casa del pittore Mario Schifano”

next