Wanda Nara e Mauro Icardi “hanno depositato, presso le competenti Procure della Repubblica denunce e querele in ordine al reato di diffamazione a mezzo stampa per censurare fermamente gli articoli pubblicati in data 23 febbraio 2018 sulla rivista “Cronaca Vera” e sui siti liberoquotidiano.it e newnotizie.it, dove si racconta di un presunto ed assolutamente inesistente “scandalo sessuale in casa Inter” nonché di “botte e tradimenti””. Questo uno stralcio del documento pubblicato da Wanda Nara su Twitter che fa riferimento ad alcuni articoli usciti nei giorni scorsi. “Analoghe denunce e querele – si legge ancora nel documento – sono state depositate per ottenere l’accertamento della responsabilità penale di coloro i quali hanno prodotto e diffuso su Whatsapp l’audio richiamato nei predetti articoli…”.

Un documento lungo e dettagliato che segue uno sfogo pubblicato sempre dalla moglie del giocatore dell’Inter in data 24 febbraio: “Ultimamente stanno uscendo tante bugie su di me e sulla mia famiglia – scrive – generalmente non rispondo mai ma in questo caso lo devo fare perché quello che si dice è di una gravità pesante…”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sridevi Kapoor, mistero sulla morte della popolare star di Bollywood

prev
Articolo Successivo

La bandiera dell’Inter Beppe Bergomi rivela la sua fede calcistica d’infanzia

next