La vetrina d’ingresso della sede del Gruppo Umana Solidarietà, che si occupa di assistenza a migranti e richiedenti asilo a Macerata, è stata danneggiata a mattonate nel pomeriggio.

“Alle 15, in pieno orario di lavoro una o più persone hanno attaccato la sede del Gus di piazza Mazzini. Un gesto che si alimenta delle falsità, insinuazioni e calunnie di questi mesi e che trova protezione e silenzi accordanti nei troppi ‘se’ e nei troppi ‘ma’”, denuncia l’associazione su Facebook postando la foto del danneggiamento.

Tra le persone assistite dal Gus c’è stato Innocent Oseghale, il nigeriano di 29 anni accusato con 3 connazionali d’aver ucciso e smembrato Pamela Mastropietro. Il 29enne era stato espulso dal programma per violazioni del regolamento di accoglienza perché sorpreso a spacciare. Si tratta di un’azione violenta, spiega il Gus, “contro chi si occupa di accoglienza e integrazione ed è da mesi sotto il mirino di chi soffia sul fuoco per ottenere un tornaconto elettorale e click sui social network”.

Da settimane, prosegue il Gus, l’associazione è oggetto di “attacchi strumentali dopo i fatti di cronaca a Macerata”. Il Gus “crede nella pace e nel dialogo: non si fermerà di fronte a un gesto violento e vigliacco. Continuiamo in ciò che è giusto”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Aggressione a Brumotti, carabinieri di Palermo: “Nella vettura non c’è alcuna traccia di proiettile”

next
Articolo Successivo

Burian, a Venezia crolla un lampione di 30 metri: quattro auto danneggiate nel parcheggio del Porto Nuovo

next