“Io sono candidato, corro, sarò eletto o non sarò eletto, la gente mi voterà o non mi voterà: questo non mi importa perché in questi due giorni io ha avuto qualcosa di più importante dell’elezione e del Parlamento. Ho avuto l’affetto della gente di Potenza e se sarò eletto mi batterò per questa gente come un leone (simbolo della squadra e della città)”. Lo ha detto Salvatore Caiata nella sala stampa dello stadio Viviani di Potenza: è stata una dichiarazione, che sta già diventando virale sui social, e che ai presenti è sembrata essere una vera e propria esplosione di “liberazione” dallo stress degli ultimi due giorni. “Caiata – che ha seguito la partita in panchina, ma entrando in campo per festeggiare i tre gol – è stato più volte applaudito e alla fine, insieme alla squadra è corso sotto la curva Ovest per ricevere il “virtuale” abbraccio della parte più calda del tifo rossoblù. E in sala stampa, dove, oltre ai giornalisti c’erano anche alcuni supporter e diversi uomini della società e dello staff tecnico, il presidente del Potenza ha ricevuto nuovi applausi e urla di sostegno “ad andare avanti” sia nel calcio sia nella politica

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni, Berlusconi: “Alfano fingeva di tifare Milan ma è juventino”. Lui: “Falso. Potrei dire mille cose ma starò zitto”

next
Articolo Successivo

Elezioni, le trappole sulla scheda che rischiano di fregare l’elettore. Manuale breve: primo, conoscere (bene) i candidati

next