Il leader accusa l’ex pupillo di essersi finto tifoso del Milan quando invece era juventino. L’ex delfino nega e lancia un messaggio: nonostante gli attacchi continuerà a stare zitto sugli anni trascorsi alla corte di Arcore. È di nuovo scontro tra Silvio Berlusconi e Angelino Alfano. L’ex premier ha tirato in ballo il suo ex ministro della giustizia – poi nominato al vertice del Pdl – durante una manifestazione di Forza Italia a Milano. E lo ha fatto facendo ironia sulla fede calcistica del ministro degli Esteri, che ha lasciato Berlusconi per fondare il Nuovo Centrodestra e sostenere i governi di Matteo Renzi e Paolo Gentiloni.

“Un saluto ad Alfano, che per 12 anni da mio assistente ha tenuto al Milan, poi un giorno l’ho visto a una partita disperarsi per un gol subito dalla Juventus con il Benfica: ho fatto un’indagine ad Agrigento e ho saputo che lui è sempre stato uno juventino sfegatato dalla nascita. In politica bisogna anche far sapere che si è di un’altra opinione”, è l’aneddoto raccontato dall’ex cavaliere. Che poi ha addirittura citato l’ex presidente Usa, Ronald Reagan.  “Un giorno – ha aggiunto – Reagan disse che la politica è la seconda attività dell’uomo. Beh ho pensato che è molto vicina alla prima…bisogna stare attenti a fare politica con decoro“.

Un attacco che ha provocato la replica diretta di Alfano, per anni considerato il possibile erede politico di Berlusconi. “Ho sempre tifato Juve e l’ho sempre detto. E lo sanno tutti quelli che mi conoscono da sempre o mi hanno conosciuto in questi anni. Quanto a Berlusconi, credevo si fosse rifatto una vita senza di me. Evidentemente non ce l’ha fatta. Sennò non si spiega ciò che di completamente falso oltre che inutilmente livoroso ha detto su di me e la mia fede calcistica”, ha detto il ministro degli Esteri, prima di lanciare un messaggio in direzione di Arcore.  “Avrei mille cose da aggiungere – dice Alfano . ma non lo farò avendo deciso di non partecipare alla campagna elettorale. A proposito di decoro, io continuerò a mantenere la riservatezza sui dieci anni di collaborazione. E sempre Forza Juve”.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Elezioni, Di Maio: “Confronto con altri candidati premier? Non saprei con chi farlo, è imbarazzante”

next
Articolo Successivo

M5s, lo sfogo di Caiata dopo la partita del Potenza: “Se eletto mi batterò come un leone”

next