A margine della presentazione del Rapporto 2017-2018 sulla situazione dei diritti umani nel mondo, il direttore generale di Amnesty International Italia Gianni Rufini ha fatto il punto sulla campagna elettorale nel nostro Paese: “Ci aspettavamo una ondata di odio molto grave. Ovviamente questo c’è, limitata ad alcuni partiti: risulta fortemente concentrata nella Lega, in Fratelli d’Italia, in Forza Italia con qualche isolato nel M5S. Gli altri partiti non hanno usato l’odio nei loro discorsi. Alcune forze politiche usano l’odio perché ritengono che questo costruisca consenso elettorale. Quando si parla di sostituzione etnica e si dice che si tolgono i soldi ai pensionati per darli ai migranti è chiaro che si vuole creare odio nei confronti dei migranti. La politica sta infarcendo di odio i propri discorsi, laddove dalla politica ci si aspetterebbe un senso di responsabilità”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Save the Children: 357 milioni di bambini in zone di guerra. La Siria è il paese dove le conseguenze sono peggiori

next
Articolo Successivo

Rapporto Amnesty International, il presidente Marchesi: “2017 anno nero per i diritti umani”

next