Serena Williams è diventata mamma di Olympia, sei mesi fa. Oggi la tennista americana ha raccontato il terrore che ha vissuto in quei giorni di settembre: “Ho subito un taglio cesareo d’urgenza a causa del crollo della mia frequenza cardiaca. L’intervento è andato bene ma quello che è seguito solo 24 ore dopo il parto è stato terribile“. Perché? Colpa di coaguli di sangue nei polmoni che hanno messo a repentaglio la vita della tennista. Per questo adesso vive con il pensiero che possa succederle ancora qualcosa del genere: “Dopo aver rischiato la vita, vivo nella paura“.

Adesso le cose sono tornate alla normalità, ma la tennista ha dichiarato ai microfoni della Cnn: “Quando finalmente sono tornata a casa dalla mia famiglia ho dovuto trascorrere le prime sei settimane di maternità a letto. Adesso nonostante le ansie riconosco di essere stata molto fortunata. Ho una splendida bambina e punto a tornare in campo per vincere”. Ha poi rivolto un pensiero ai medici: “Ringrazio sempre il personale dell’ospedale, se non fosse stato per le loro cure tempestive, oggi non sarei qui“.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Passare 24 isolati dal mondo di Internet? Si può provare domani: è lo “Sconnessi day”

prev
Articolo Successivo

Fabio Fulco racconta la separazione da Cristina Chiabotto: “La donna che avevo idealizzato non è mai esistita”

next