Un patto anti-inciucio. Ma gli alleati non Silvio Berlusconi e Matteo Salvini, non ci sono. “Questa è un’iniziativa che avevamo concordato”, dice la leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni. “Berlusconi dice addirittura che questa iniziativa è dannosa. Non capisco francamente come possa essere dannosa. È dannosa se vuoi fare l’inciucio”, dice Meloni. E il leader della Lega? “Dice che aveva altre priorità in agenda”.

“Se nessuno dovesse avere i numeri per formare un governo si dovrà tornare al voto”, dice Fabio Rampelli. “Ieri arriva Minniti e dice che sarebbe disponibile non per un governo di larghe intese ma per uno di unità nazionale”, dice Meloni dal palco. “Sempre un inciucio è. Il Pd arriverà terzo e se quelli che arrivano terzi esprimono il presidente del Consiglio a casa mia si chiama colpo di Stato”. “Non appoggeremo mai un governo di sinistra”, tuona Ignazio La Russa. “E neppure nei Cinque Stelle”.

Berlusconi, aggiunge Giorgia Meloni, “farebbe bene a indicare prima del voto chi è il suo candidato alla presidenza del Consiglio”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni, Renzi imita Berlusconi e fa appello ai cattolici: “Il centrodestra è guidato dalla Lega”

next
Articolo Successivo

Elezioni, Berlusconi: “Bugie? Non le so dire, ho sempre mantenuto impegni con italiani. Sono troppo buono coi traditori”

next