Il caso M5s? È una miseria. Una miseria tutta interna al M5s. A parole dicono ‘onestà onestà onestà’, si sono fatti belli con questa elargizione e poi si sono truffati tra di loro”. Sono le parole pronunciate ai microfoni di Ecg Regione (Radio Cusano Campus) dal candidato di Forza Italia, Renato Brunetta, che rincara: “E’ un imbroglio tutto al loro interno, che sancisce il grado di eticità degli eletti di questo Movimento. Non sarebbe nulla di gravissimo, se non avessero fatto dell’etica e dell’onestà il vessillo attraverso il quale attaccare la casta e il resto dei partiti. Si stanno rivelando dei poveracci imbroglioni”. E chiosa: “Questa è anche una faccenda pubblica, perché attiene all’etica degli eletti di quel Movimento che sta facendo dell’onestà il significato portante della propria azione politica. Si stanno rivelando come dei poveracci nullafacenti imbroglioncelli. La gente giudicherà. Non ne farei un tormentone, sono peggio degli altri”