Veneto e Friuli Venezia Giulia hanno ripreso a farsi guerra a colpi di tiramisù. Domenica il Friuli si è aggiudicato il titolo di “Tiramisù più lungo del mondo“, entrando così nel Guinness dei primati. Ma il Veneto non ci sta a vedersi scippare così il record mondiale e accusa i friulani di aver “barato“, aggiungendo la panna alla crema, anziché farla solo con il mascarpone. A denunciarlo è il segretario della Confraternita del Tiramisù di Treviso, Annibale Toffolo: “Ci risulta che ieri a Villesse, in provincia di Gorizia, sia stato assemblato un tiramisù lungo 266,90 metri, che costituirebbe un record mondiale. La Confraternita rileva che il dolce in questione è stato confezionato con ben 400 chilogrammi di panna (in quantità eguale al mascarpone utilizzato) e non può considerarsi tiramisù, dolce che non prevede la panna tra i propri componenti”.

Immediata la replica del Friuli: “Ci siamo attenuti agli ingredienti elencati nel regolamento del Guinness World Record. Tra questi ci sono ‘mascarpone cheese’ e ‘cream’, ovvero panna. Non abbiamo barato“, precisa Mirko Ricci, organizzatore del record. “Per realizzare il dolce – ha spiegato ancora  Mirko Ricci- “sono stati utilizzati 400 chili di mascarpone, 400 chili panna, 48 mila savoiardi, 420 litri di caffè, 200 chili di zucchero, 3 mila uova, 47 litri di marsala”. Il dolce è composto da “4 strati perché il regolamento impone che l’altezza minima sia di 8 cm e la larghezza di 15.

Chi contesta l’utilizzo della panna “non conosce bene la storia del tiramisù: nella sua forma arcaica – spiega Ricci-: la “Coppa Vetturino Tirime Su” prevedeva l’uso della panna tra gli ingredienti”. E conclude: “Non abbiamo scippato nessun record a nessuno, perché è la prima gara di questo tipo che si organizza al mondo. Questa è l’ennesima polemica inutile, che fa male al territorio e al dolce in sé, perché si potrebbe sfruttare tutti insieme il successo del dolce nella maniera più pacifica”.

Con una lunghezza di 266,90 metri il dolce preparato a Villesse (Gorizia) domenica 11 febbraio si è aggiudicato il titolo di “tiramisù più lungo del mondo” ed è entrato ufficialmente nel Guinness dei primati. Un’impresa “titanica” che una squadra di pasticcieri e volontari ha messo a segno proprio nella regione che è stata riconosciuta come la patria del “più conosciuto al mondo”. Oltre 30 pasticcieri hanno lavorato senza sosta dalle 8 del mattino, oltre 420 teglie di tiramisù sono state assemblate assieme e appoggiate una dopo l’altra su una lunga tavolata nel corridoio del centro commerciale Tiare. Tutto attorno il tifo di centinaia di sostenitori. Obiettivo dell’”Official Attempt” – con certificazione ufficiale dei giudici del Guinness World Record – era battere la lunghezza di 200 metri ed entrare così nella storia: un traguardo ampiamente raggiunto.

“Vittoria in casa” dunque per il tiramisù, che la scorsa estate era entrato a far parte della lista dei Prodotti agroalimentari tradizionali del Fvg, “bruciando” di fatto il Veneto, che ne rivendicava la paternità. Due le versioni inserite tra i Pat: quella “carnica”, conosciuta come “Tiramisù” o “Tirimi su”, un trancio al mascarpone che sarebbe stato inventato negli anni ’50 all’albergo ristorante “Roma” di Tolmezzo (Udine) e quella “bisiaca” (area del monfalconese, Gorizia), un semifreddo in coppa noto come “Coppa Vetturino Tirime Su”, servita sempre negli anni ’50 alla trattoria Vetturino di Pieris (Gorizia).

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

A cena con l’Inglese, da Cracco

prev
Articolo Successivo

Germogli, da quelli di soia a quelli di grano: tutto quello che c’è da sapere su questo cibo

next