“Se uscisse fuori un governo di centrodestra con Matteo Salvini premier e magari un Bagnai o Borghi ministro dell’Economia, potremmo dare il nostro appoggio esterno. In ogni caso se ci saranno iniziative sull’euro e sull’immigrazione i nostri voti ci saranno”. Lo ha detto il candidato premier di Casapound Simone Di Stefano, a margine della conferenza stampa organizzata alla Camera per presentare i candidati.  “In Parlamento noi saremo opposizione costruttiva: per questo dico agli italiani che mandare 13 o 14 deputati tra di noi in Parlamento è costruttivo, significa non mandarci 13 centristi ma 13 sovranisti”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

M5s, Di Battista fa il comizio ad Arcore: “Berlusconi? In un Paese normale dovrebbe stare in galera. Abbiamo scarsa memoria”

next
Articolo Successivo

M5s, Di Battista ad Arcore: la piazza grillina “recita” all’unisono la sentenza Dell’Utri

next