“Se uscisse fuori un governo di centrodestra con Matteo Salvini premier e magari un Bagnai o Borghi ministro dell’Economia, potremmo dare il nostro appoggio esterno. In ogni caso se ci saranno iniziative sull’euro e sull’immigrazione i nostri voti ci saranno”. Lo ha detto il candidato premier di Casapound Simone Di Stefano, a margine della conferenza stampa organizzata alla Camera per presentare i candidati.  “In Parlamento noi saremo opposizione costruttiva: per questo dico agli italiani che mandare 13 o 14 deputati tra di noi in Parlamento è costruttivo, significa non mandarci 13 centristi ma 13 sovranisti”

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

M5s, Di Battista fa il comizio ad Arcore: “Berlusconi? In un Paese normale dovrebbe stare in galera. Abbiamo scarsa memoria”

next
Articolo Successivo

M5s, Di Battista ad Arcore: la piazza grillina “recita” all’unisono la sentenza Dell’Utri

next