La prima risposta dello Stato italiano all’agguato armato fascista di Macerata è stata visitare i feriti solo dopo 4 giorni, rappresentato dal ministro della Giustizia. La seconda è stata chiedere all’Associazione dei partigiani e ad altre associazioni di non manifestare contro l’espressione più fascista che ci possa essere: l’esplosione di violenza contro il diverso. La terza risposta è stato l’uso dei fatti da parte del ministro dell’Interno Marco Minniti per fare un po’ di propaganda elettorale e per rivendicare che mesi fa, quando parlava di “tenuta democratica a rischio” per via dell’immigrazione, aveva ragione lui. Un ribaltamento della colpa: la responsabilità non è delle destre razziste e fasciste che fomentano i violenti, ma dei neri che arrivano e che lo Stato dovrebbe gestire.

Così i fascisti sparano ai neri e qualche partito continua a dire che è colpa dei neri, lo Stato scompare. Lo Stato, al contrario, non fa nulla per ricordare che la Repubblica è democratica proprio perché fondata sull’antifascismo. Anzi – col sindaco e col governo – costringe chi vorrebbe farlo al silenzio. Per opportunismo, non per debolezza. Lo Stato, così, non solo dà un messaggio ambiguo alle forze politiche dell’estrema destra. Ma – dopo oltre settant’anni – continua ad accettare l’idea che l’antifascismo sia una cosa di parte. Quando invece è un patrimonio di tutti. E’ lì, nell’espressione e nella forza dei principi che fondano la legge delle leggi, che si fonda la sicurezza. Non nella loro censura.

Un ministro dell’Interno che rappresenta la Repubblica e ha giurato sulla Costituzione dovrebbe garantire (domani, oggi, ieri) il massimo della sicurezza per chi vuole manifestare in nome dell’antifascismo, com’è successo per altri versi a Parigi dopo l’attentato al Bataclan. Un ministro che rappresenta la Repubblica e ha giurato sulla Costituzione, orgoglioso del suo passato nel Partito Comunista (che la Costituzione l’ha firmata per mano di Umberto Terracini), sarebbe in cima al corteo dei partigiani.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Uranio, la relazione del deputato Pili: “Gravi interferenze del ministro Pinotti. E Mattarella tentò di mistificare la realtà”

next
Articolo Successivo

Perché i governi devono dirci tutto. Sul diritto alla conoscenza

next