L’hanno trovata con i polsi legati e in uno stato di semi incoscienza causato dall’ipotermia, che poco l’ha portata alla morte. Sono stati inutili i soccorsi a una donna di 71 anni, che era nella sua casa in una frazione di Arquata Scrivia, in provincia di Alessandria. L’ipotesi più probabile al momento è che la donna sia stata immobilizzata da rapinatori.

Anche se gli investigatori fanno notare che all’interno dell’abitazione (che non era la residenza, ma una seconda casa di famiglia) non ci sarebbero mai stati oggetti di valore ma solo mobilio e altri oggetti ammassati in modo abbastanza disordinato.

A trovarla e a dare l’allarme è stato il figlio dopo essere giunto nell’appartamento della madre in località Pessino. La causa della morte – secondo i primi accertamenti – sarebbe da attribuire a ipotermia. Le indagini sono condotte dai carabinieri di Novi Ligure e Arquata Scrivia. La pensionata non è stata uccisa, la sua morte potrebbe essere “conseguenza di un altro reato”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Pamela Mastropietro, all’arrestato contestato il vilipendio di cadavere: in casa trovati coltelli

prev
Articolo Successivo

Milano, giovane donna uccisa in casa a coltellate. Fermato tramviere 39enne dell’Atm, da parte sua parziali ammissioni

next