L’hanno trovata con i polsi legati e in uno stato di semi incoscienza causato dall’ipotermia, che poco l’ha portata alla morte. Sono stati inutili i soccorsi a una donna di 71 anni, che era nella sua casa in una frazione di Arquata Scrivia, in provincia di Alessandria. L’ipotesi più probabile al momento è che la donna sia stata immobilizzata da rapinatori.

Anche se gli investigatori fanno notare che all’interno dell’abitazione (che non era la residenza, ma una seconda casa di famiglia) non ci sarebbero mai stati oggetti di valore ma solo mobilio e altri oggetti ammassati in modo abbastanza disordinato.

A trovarla e a dare l’allarme è stato il figlio dopo essere giunto nell’appartamento della madre in località Pessino. La causa della morte – secondo i primi accertamenti – sarebbe da attribuire a ipotermia. Le indagini sono condotte dai carabinieri di Novi Ligure e Arquata Scrivia. La pensionata non è stata uccisa, la sua morte potrebbe essere “conseguenza di un altro reato”.