La lista di Emma Bonino tocca il 2,6%, Liberi e Uguali resta oltre il 7%. Scende di poco il M5s, mentre i tre partiti di centrodestra e il Pd rimangono stabili. Ma, soprattutto, se la situazione si perpetuasse invariata fino al 4 marzo, il giorno successivo lo scenario sarebbe quello dell’ingovernabilità. E’ la fotografia scattata da Ixè per Huffington Post sulle intenzioni di voto degli italiani in vista delle elezioni politiche.

E’ Più Europa a far registrare la crescita maggiore nella settimana, passando dal 2% del 25 gennaio al 2,6% del 1° febbraio. Sale anche la formazione guidata da Pietro Grasso (dal 7% al 7,3%), mentre il Movimento 5 Stelle scende dal 29,2% al 28,7% e la Lega di Matteo Salvini cala dall’11,9% all’11,5%. Stabili nel gradimento degli italiani il Partito Democratico (dal 21,8% al 22%) e Forza Italia (dal 16,7% al 17%).

Analizzando la serie storica delle intenzioni di voto, emerge il trend preoccupante del Partito Democratico: se a metà ottobre Ixè li registrava al 27,2%, in tre mesi e mezzo hanno perso oltre 5 punti fino a da arrivare al 22% di oggi. Tre mesi in cui il Pd ha dovuto gestire la grana delle banche finita davanti alla Commissione parlamentare guidata da Pier Ferdinando Casini e l’annunciata sconfitta nelle regionali in Sicilia. Nello stesso periodo Forza Italia è passata dal 15,1% al 17%, la Lega è scesa dal 13,6% all’11,5% e il M5s è passato dal 27,4% al 28,7%.

Se l’affluenza rimane sostanzialmente stabile, resta elevata l’incertezza sull’esito delle urne: a Montecitorio restano in gioco 86 seggi e a Palazzo Madama 38. Uno scenario che avrebbe un solo risultato: l’ingovernabilità. Anche se largamente in vantaggio con il 35,3%, al centrodestra mancherebbero 26 seggi per raggiungere la maggioranza assoluta alla Camera. Stantibus rebus, non avrebbero speranze neanche un governo di larghe intese tra Pd e Forza Italia (-64 seggi) né un’eventuale alleanza Lega-M5s, cui ne mancherebbero 46. Neanche un ipotetito governo del Presidente riuscirebbe a dare una guida al Paese: mancherebbero sempre 18 collegi.

Capitolo leader: il presidente del Consiglio uscente Paolo Gentiloni rimane in testa alle preferenze degli italiani con il 34%, davanti a Emma Bonino (30%) e a Luigi di Maio (29%). Staccati Silvio Berlusconi (23%), Matteo Salvini (23% dal 25% registrato la settimana precedente) e Matteo Renzi, al 22% in compagnia di Pietro Grasso.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Elezioni 2018, Di Maio fa la lista di condannati, imputati e indagati dal Pd a Forza Italia: “Via gli impresentabili”

next
Articolo Successivo

Liste, Renzi: “Gli indagati non sono impresentabili, o per voi è dramma”. Di Maio: “Hai scelto di difenderli, ritirali”

next