Con le elezioni del 4 marzo ormai all’orizzonte, il derby a sinistra tra Pd e Liberi e uguali continua tra attacchi incrociati. “Spetta a noi tenere alti i valori della sinistra e del centrosinistra in questo paese. Altri si preparano per un futuro di alleanze con la destra, noi no”, ha attaccato Pietro Grasso, presentando a Roma i candidati del Lazio di Leu. E ancora: “Il Pd ha dilapidato un patrimonio di consensi al 40%. Perde e continuerà a perdere elettorato a sinistra perché non è più di sinistra. L’unica formazione di sinistra siamo noi”. Ma se in campagna elettorale dentro LeU si smentisce l’idea di future collaborazioni di governo con il Pd, magari senza Renzi, seppur con sfumature diverse e richiami al programma, resta il nodo di cosa succederà effettivamente dopo le urne, con il Paese ancora a rischio ingovernabilità, sondaggi alla mano. “Se consulteremo gli iscritti con un referendum, come avviene in Germania, sul post-voto? Non abbiamo bisogno di referendum, abbiamo una base e dei delegati che si confrontano con il territorio e ci riferiscono. E abbiamo consultato la base per il programma”, ha tagliato corto Grasso, rispetto all’ipotesi di coinvolgere la base già evocata da Giuseppe Civati. Ma anche in questo caso le idee dentro Leu sono diverse: “Non credo ci sia bisogno su questa linea di fondo una consultazione. Ma dopo il 4 marzo partirà un processo costituente per trasformare la lista in una forza politica”, concorda con Grasso Alfredo D’Attorre. Al contrario, è la candidata indipendente Anna Falcone a rivendicare: “Serve una continua consultazione non solo con iscritti ed elettori, ma con tutti quelli che si aggiungeranno in questo percorso di costruzione”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Elezioni, Grasso contro il M5s: “Inetti? No, sembrano nemici dei deboli. Lo dimostra la loro idea di Roma”

prev
Articolo Successivo

Elezioni, Renzi: “C’è grande coalizione pronta, tra M5s e Lega”. Di Maio: “Larghe intese? Quella nata col Rosatellum”

next