Un cittadino italiano originario di Montichiari, in provincia di Brescia, è morto a Santo Domingo, dove si era trasferito da tempo. Secondo quanto ricostruito dalle testate locali, Vittorio Gizzi sarebbe morto in seguito a una violenta aggressione da parte di una banda di rapinatori entrata nella notte tra mercoledì 31 gennaio e giovedì 1 febbraio nella sua abitazione a Santo Domingo, dove l’uomo aveva avviato un’attività di produzione di caffè, fagioli e mango. La conferma arriva dalla nipote su Facebook: “Non è possibile che la vita non abbia più valore, non si può morire di botte per un furto, per invidia, per cattiveria, per niente! Non riesco proprio a capacitarmi del fatto che tu ora per questo non ci sei più, per me eri come un secondo padre”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Iran, arrestate 29 donne senza velo che protestavano contro l’hijab obbligatorio. La polizia: “Turbavano l’ordine pubblico”

prev
Articolo Successivo

Libia, 90 migranti dispersi in mare dopo il naufragio. “Dieci corpi riaffiorati”

next