Un cittadino italiano originario di Montichiari, in provincia di Brescia, è morto a Santo Domingo, dove si era trasferito da tempo. Secondo quanto ricostruito dalle testate locali, Vittorio Gizzi sarebbe morto in seguito a una violenta aggressione da parte di una banda di rapinatori entrata nella notte tra mercoledì 31 gennaio e giovedì 1 febbraio nella sua abitazione a Santo Domingo, dove l’uomo aveva avviato un’attività di produzione di caffè, fagioli e mango. La conferma arriva dalla nipote su Facebook: “Non è possibile che la vita non abbia più valore, non si può morire di botte per un furto, per invidia, per cattiveria, per niente! Non riesco proprio a capacitarmi del fatto che tu ora per questo non ci sei più, per me eri come un secondo padre”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Iran, arrestate 29 donne senza velo che protestavano contro l’hijab obbligatorio. La polizia: “Turbavano l’ordine pubblico”

next
Articolo Successivo

Libia, 90 migranti dispersi in mare dopo il naufragio. “Dieci corpi riaffiorati”

next