A poche ore dalla presentazione delle liste per le elezioni politiche del 4 marzo, il governatore della Calabria Mario Oliverio, del Pd, critica il suo partito per il metodo con il quale si è arrivati ai candidati.  “La presentazione delle liste è sempre un passaggio che lascia scontenti e che lascia aperte ferite” dice prima di entrare in prefettura a Reggio dove è in programma un incontro sull’emergenza migranti nella baroccopoli di San Ferdinando.  Secondo il presidente della Regione, non c’è stata sintonia tra il Pd nazionale con il territorio e “questo – afferma Oliverio – crea difficoltà con il rischio di determinare distacco tra i cittadini e i partiti. Non mi riferisco a singole scelte. Il Pd poteva fare di più. Si è corretto in parte. Ma poteva fare di più”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni politiche, Pd: “Candidato M5s a Latina balla con Domenico Spada, lasci”. Lui: “Il pugile fu premiato da Delrio”

next
Articolo Successivo

Elezioni, dall’Economic council della Cdu al M5s: Alessia D’Alessandro candidata ad Agropoli

next