Nel 1948 “furono le donne dei comitati civici della Dc a fermare i comunisti”. Oggi “saranno le donne di Rivoluzione cristiana a fermare il ribellismo e il Movimento 5 Stelle“. L’ex ministro Gianfranco Rotondi presenta in piazza Montecitorio e sulle note di ‘O bianco fiore’, l’inno della Democrazia Cristiana, 50 donne candidate alle prossime politiche con Rivoluzione cristiana. “Sono donne di grande professionalità e di grande entusiasmo, rappresentano tutte le regioni d’Italia”, afferma il deputato azzurro accompagnato dalle candidate, ognuna delle quali stringe in mano il fiore bianco ‘icona’ della Dc . “Come le abbiamo scelte? Come fa Beppe Grillo: molte di loro si sono avvicinate a noi online”. Rivoluzione Cristiana alle politiche si presenta assieme a Forza Italia e al Movimento animalista di Michela Brambilla. Alcune preferiscono evitare le interviste, altre invece si fermano con i cronisti. “Lo stimo moltissimo e secondo me è un buon cristiano, meglio di molti altri. L’abbiamo anche visto fare volontariato. Poi ha dato un grosso apporto, fattivamente ha creato molti posti di lavoro”. Cene eleganti? “Ognuno con i propri soldi può fare quello che vuole, siamo democratici, siamo per la libertà di tutti”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Elezioni, Bersani: “M5s? Noi parliamo con tutti, alleanza è altra cosa. Se il Pd vuole andare a destra, faccia pure. Noi no”

prev
Articolo Successivo

Elezioni, Fico (M5S): “Mai alleati con la Lega, siamo geneticamente diversi”

next