Amaro sfogo del senatore Antonio Razzi a La Zanzara (Radio24) sulla probabile mancata candidatura nelle fila di Forza Italia. “Io non so ancora niente” – esordisce Razzi – “me lo stanno dicendo i giornalisti. Sono distrutto per una influenza, mi fa male il petto. Ho fatto il vaccino e non è servito a un cazzo di niente”. Poi entra nel merito della vicenda: “Io inadatto a una candidatura? Di inadatti ce ne sono centinaia e non fanno un cazzo dalla mattina alla sera. Io invece sto sempre lì di continuo a lavorare, perché vengo dal mondo del lavoro. Se candidano gente che ha tradito Berlusconi e che è andata via dall’Aula quando c’era da votare sulla sua decadenza, allora è la fine del Parlamento. Se succede, me ne vado e non lo voglio più vedere, perché vuol dire che fanno schifo veramente. E non mi riferisco a Berlusconi, lui non c’entra niente”. “E chi decide allora?”, chiedono i conduttori, Giuseppe Cruciani e David Parenzo. “Io penso che lì ci sia gente invidiosa” – risponde Razzi – “perché forse ho troppa popolarità e questo le dà fastidio. Berlusconi non avrebbe mai escluso la mia candidatura.”. “E’ lui che decide, vuole rinnovare la classe dirigente”, incalza Parenzo. E il senatore non ci sta: “E allora Lupi e la De Girolamo che sono andati con Alfano? Mo’ questi ritornano e vengono qua. Scusate, io non ce l’ho con loro, ma questo non è normale. Il cittadino così non capisce niente. Il marito della De Girolamo è pure presidente della Commissione Bilancio ed è del Pd (Francesco Boccia, ndr). Ma insomma… secondo voi, tra moglie e marito non si raccontano le cose? Comunque, io non pretendo niente, non me ne può fregare più di tanto”. Poi aggiunge: “Per correttezza e gentilezza, come minimo, potevano anche farmi una chiamata. Io sono sempre stato gentile con loro. Potevano dirmi: ‘Antò, vogliamo candidare un po’ di giovani e abbiamo eliminato quelli vecchi’. Però se eliminano me e ci sta tutta la gente che ha tradito Berlusconi, amico caro, questo non va bene”. Razzi rivela di aver parlato qualche tempo fa con il senatore di Forza Italia, Niccolò Ghedini: “Siccome era mia compagno di banco in Aula, gli ho detto: ‘Niccolò, ricordati che ci sono pure io che mi voglio ricandidare’. E lui mi ha risposto: ‘Se non candidano te, non candidano nessuno’”. “Quindi, ti ha detto una cazzata”, commenta Cruciani. E il senatore risponde citando Pappagone, il celebre personaggio interpretato da Peppino De Filippo: “E allora vuol dire che qui o siamo vincoli o siamo sparpagliati (o siamo uniti o siamo divisi, ndr). Vogliono gente preparata? Guardate che anche se non sei preparato, facendo il deputato, daje oggi e daje domani t’impari pure a zoppicare. Chi va con lo zoppo impara a zoppicare. Quando nel 2006 sono entrato in Parlamento, non ci capivo niente. Poi ho imparato”

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pd, “A Pomigliano schieriamo una scienziata profumata di Nobel”, ma Annalisa Alloca smentisce

next
Articolo Successivo

Elezioni, i mercati vogliono le larghe intese con Gentiloni ma il premier: “Al governo con Berlusconi? No”

next