“Io il 1 febbraio parto in tour, farò un comizio ad Arcore, uno a Rignano sull’Arno e uno a Laterina, l’ultimo che farò. L’obiettivo, da non candidato è fare arrivare il più possibile consensi al M5S”. Lo annuncia Alessandro Di Battista a margine del Villaggio Rousseau di Pescara. Le tre località sono rispettivamente legate a Silvio Berlusconi, Matteo Renzi e Maria Elena Boschi. “M5s va da solo. Il Movimento 5 stelle e’ l’unica forza che va da sola”, sottolinea Di Battista arrivando alla tre giorni di formazione del Movimento, a proposito della campagna elettorale per il voto del 4 marzo. “Nel 2013 abbiamo parlato di grande inciucio, dopo le prossime elezioni ci potrebbe essere un grandissimo inciucio, addirittura con pezzi di sinistra bersaniana insieme a Maroni“: è questo lo scenario politico che si prepara per il 5 marzo, se il Movimento 5 stelle non dovesse conquistare un primato abbastanza netto nelle urne – ha detto l’ex deputato M5S, che vede in campo “cartelli elettorali fatti solo per la spartizione delle poltrone, altrimenti che ci fanno insieme Salvini e la moglie di Mastella?”. A giudizio dell’esponente stellato “prima il progetto di Renzi era l’accordo Pd-Forza Italia ma quando Berlusconi ha visto il Pd in caduta libera ha iniziato a cercare anche altrove. Ecco allora D’Alema che parla di governo del presidente, e non dimentico che hanno fatto politica insieme al tempo della Bicamerale o l’operazione di Maroni…”. Senza una vittoria dei 5 stelle, quindi, il futuro dell’Italia è nuovamente quello di “un governo Gentiloni” stavolta sorretto da “pezzi di Lega”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Bonino annuncia l’accordo tra +Europa e Pd: “Grazie a Gentiloni, Padoan e Calenda hanno tenuto la barra su Bruxelles”

next
Articolo Successivo

M5s, senatore escluso dalle parlamentarie si presenta a Pescara. Ma invece di spiegare si mette a correre

next