Celo, celo, manca, celo, sbagliata. Lo scambio delle figurine continua a rimanere un rituale immancabile nelle vite di molti italiani, tanto che anche quest’anno è presente nelle edicole di tutta la Penisola la 57esima edizione dell’album Calciatori 2017-2018, la collezione ufficiale Panini dedicata ai protagonisti del pallone. Un orgoglio per gli appassionati, ma anche per le piccole squadre di provincia come l’Asd Seravezza-Pozzi Calcio, club della Versilia neo promosso nel campionato di serie D, che aspettava fieramente di vedere il suo stemma stampato nel prestigioso album. E qui è arrivata la sorpresa: il logo che hanno trovato nella sezione dedicata alla serie cadetta è sbagliato.

A rivelare l’errore è stato lo stesso presidente della società, Lorenzo Vannucci, in un’intervista al Tirreno. Essere presenti nella collezione Panini “ci riempe di orgoglio naturalmente – ha spiegato al quotidiano toscano – peccato però che il simbolo della nostra squadra sia errato”. “Invece del nostro stemma – ha spiegato Vannucci – hanno infatti inserito un vecchio logo che mostra i gonfaloni di Seravezza e Pietrasanta”. “Non sappiamo chi abbia fornito quel logo né dove lo abbiano preso. Di sicuro però quello non è il nostro simbolo”, ha concluso il presidente.

La società Asd Seravezza-Pozzi Calcio ha già contatto la Panini per informarla dell’errore e, scrive Il Tirreno, ha chiesto che l’album venga ritirato e ristampato con lo stemma corretto. L’edizione però è già in vendita in tutte le edicole: un album di 128 pagine per un totale di 746 figurine, forse troppe, tanto che alla fine sembra esserci scappato l’errore.

A sinistra il logo corretto
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ronaldinho dice basta: con lui il calcio ha riscoperto che si può vincere col sorriso e la fantasia

prev
Articolo Successivo

Franco Costa morto, il giornalista sportivo volto di 90° minuto aveva 77 anni

next