Roberto Giachetti, deputato dem e vicepresidente della Camera, nonché sfidante di Virginia Raggi alle scorse elezioni comunali a Roma, manifesta tutto il proprio rammarico per l’assenza del primo cittadino alla ‘Costituente per Roma‘ al Tempio di Adriano, nel cuore della Città eterna, leggendo la mail recapitatagli dal cerimoniere del Campidoglio per giustificare l’assenza del Sindaco. All’evento è intervenuto anche il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni (leggi l’articolo): “Noi siamo il governo e non possiamo non avere uno spirito di collaborazione su Roma anche se talvolta questo aiuto è stato accolto con sospettosa riluttanza”. Più diretto Carlo Calenda, ministro dello Sviluppo Economico: “Ecco perché rompo le scatole alla Raggi – afferma Calenda, parlando del ‘Tavolo per Roma‘ – “Io sono anche per istituzionalizzare il tavolo, io ci credo ancora ma i segnali finora non sono incoraggianti: io non ho un processo di lavoro, io materialmente non ho una controparte. Le risposte della sindaca sono ‘non vengo, forse mando qualcuno, non posso fare la delibera. Deve partecipare in prima persona, mettendoci capitale politico e di lavoro, altrimenti – conclude Calenda – passa il cadavere della capitale molto prima di quello di chi la sta gestendo”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Elezioni 2018, il voto degli italiani all’estero? Ancora a rischio brogli

prev
Articolo Successivo

Renzi-De Benedetti: Delrio zitto, Calenda fugge e Giachetti: “L’editore rivendica Jobs act? Come un milione di lavoratori”

next