Renzi ci riprova e chiede agli avversari un confronto televisivo, con tanto di coperture certificate sulle promesse elettorali. E siccome il suo Pd è costretto a rincorrere sia il centrodestra che il M5s, ormai primo partito, aggiunge una provocazione sperando che qualcuno ci caschi: “Berlusconi ci sarà, Di Maio inventerà un’altra scusa”. E invece Luigi Di Maio si dice pronto. A Milano per lanciare l’iniziativa “leggi da abolire” (leggidaabolire.it) su semplificazione e sburocratizzazione, il candidato premier si dice disponibile. Ma solo con i suoi pari: “Con i candidati premier… vedremo quali sono”. Berlusconi a parte, che presidente ormai lo è per una naturale condizione dell’animo, il candidato premier del Pd è certamente il suo segretario Matteo Renzi. Sempre che valga quanto scritto nello statuto del partito, e che valga anche per Di Maio

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni Lombardia, Fontana (Lega): “Perché io? Mi illudo che mi ritengano capace. Ho poco tempo, ma correrò di più”

next
Articolo Successivo

Elezioni, Romani (FI) dopo la riunione programmatica: “Vaccini? Noi favorevoli all’obbligo”

next