Si staglia per 104 metri d’altezza. È il ponte strallato più alto d’Europa, ideato da Santiago Calatrava. Un’opera che taglia in due il fiume Crati, a Cosenza, e che finisce alle spalle di una storica baraccopoli. Qui la comunità di rom italiani che da più di 50 anni vive in Via Reggio Calabria  è sotto sgombero. Al posto delle case in mattoni e lamiere ci sarà una strada e, da mesi, le trattative tra i residenti e l’amministrazione comunale, guidata dal sindaco Mario Occhiuto, proseguono a ritmo serrato. Ma alcune famiglie oppongono resistenza allo spostamento, che prevede in alternativa una casa in affitto o una somma di denaro, per far fronte alle prime spese. E, dopo anni di permanenza nel ghetto, rivendicano il diritto alla casa popolare. “Siamo in lista da decine di anni”, ci dicono. “Vogliamo una casa dignitosa come è stata data ad altri”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Pavia, brucia un capannone industriale: rischio diossine. Evacuate 100 persone, per gli altri divieto di aprire le finestre

next
Articolo Successivo

Catania, disagi per forte vento: crolli, tetti divelti e alberi abbattuti. L’intervento dei vigili del fuoco

next