Sergio Mattarella ha sciolto le Camere, chiudendo la legislatura e aprendo la campagna elettorale che si chiuderà con le elezioni politiche il 4 marzo 2018. Ecco uno spaccato di quello che abbiamo visto in questi cinque anni. Dalla conferenza stampa post elezioni del 24 febbraio 2013 di Bersani (“siamo arrivati primi ma non abbiamo vinto”), al suo incontro con i 5 Stelle in diretta streaming. Dalla decadenza di Silvio Berlusconi da senatore alla tesissima cerimonia della campanella tra Letta e Renzi. E poi il successo del No al referendum costituzionale con le dimissioni del premier. Fino all’approvazione della legge elettorale e, pochi giorni fa, il passaggio della legge sul biotestamento.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

C'era una volta la Sinistra

di Antonio Padellaro e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Elezioni, Mattarella scioglie le Camere. Il consiglio dei ministri fissa la data del voto: si va alle urne il 4 marzo

next
Articolo Successivo

Legge elettorale, come si vota il 4 marzo con il Rosatellum: un’unica scheda, candidati in collegi e listini, soglia al 3%

next