Sergio Mattarella ha sciolto le Camere, chiudendo la legislatura e aprendo la campagna elettorale che si chiuderà con le elezioni politiche il 4 marzo 2018. Ecco uno spaccato di quello che abbiamo visto in questi cinque anni. Dalla conferenza stampa post elezioni del 24 febbraio 2013 di Bersani (“siamo arrivati primi ma non abbiamo vinto”), al suo incontro con i 5 Stelle in diretta streaming. Dalla decadenza di Silvio Berlusconi da senatore alla tesissima cerimonia della campanella tra Letta e Renzi. E poi il successo del No al referendum costituzionale con le dimissioni del premier. Fino all’approvazione della legge elettorale e, pochi giorni fa, il passaggio della legge sul biotestamento.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni, Mattarella scioglie le Camere. Il consiglio dei ministri fissa la data del voto: si va alle urne il 4 marzo

next
Articolo Successivo

Legge elettorale, come si vota il 4 marzo con il Rosatellum: un’unica scheda, candidati in collegi e listini, soglia al 3%

next