Un laboratorio dove si riparano giocattoli. Per tutto l’anno, ma soprattutto a Natale. È il regno di Guido l’aggiusta-giocattoli a Roma. “Nel 2011 sono andato in pensione e ho iniziato a fare volontariato”, racconta. “Ci portavano i giocattoli che i bambini non usavano più: tanti erano guasti e venivano buttati. Sono un tecnico, quindi mi sono detto: perché non li aggiustiamo? Da allora hanno cominciato a chiamarmi Guido l’aggiusta-giocattoli”.

Guido è stato caporeparto alla qualità in Alitalia. “L’aereo forse è un po’ più complicato, ma non è che ci sono meno responsabilità con i giocattoli: vanno in mano ai bambini e devono essere sicuri. Ne diamo 20mila l’anno”.

“Ci chiedevano giocattoli gli ospedali, le famiglia che non se lo potevano permettere”, spiegano Grazia Passeri, presidente di Salvamamme, e Debora Diodati, presidente della Croce Rossa di Roma. “Tanti genitori sono umiliati, non riescono a comprare neanche un gioco perché dopo che hanno pagato luce e gas non hanno più nulla”, dice Grazia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mia madre non è razzista, ma

prev
Articolo Successivo

Ius soli, manca il numero legale: il Senato non fa nemmeno finta di discutere la legge. Unicef: “Pagina incivile per l’Italia”

next