Quel posto qualche tempo fa, quando ancora il presidente del Consiglio era Matteo Renzi, doveva essere di Marco Carrai, tornato suo malgrado protagonista delle cronache di questi giorni per via della vicenda di Banca Etruria. Alla fine la decisione di Palazzo Chigi, a guida Paolo Gentiloni, è caduta su Roberto Baldoni, docente di Sistemi distribuiti alla facoltà di Ingegneria dell’informazione alla Sapienza di Roma e direttore del centro di ricerca in Cyberintelligence nello stesso ateneo. Sarà lui il vicedirettore generale del Dipartimento delle informazioni per la sicurezza (il coordinamento dei servizi segreti) con delega alla cybersecurity. La nomina è stata decisa dal Comitato interministeriale per la sicurezza della Repubblica, di cui fanno parte il capo del governo e i ministri competenti.

Baldoni, professionista di alto livello nel settore, avrà il compito di presiedere il Nucleo per la sicurezza cibernetica che serve a dare risposte coordinate agli eventi cibernetici significativi per la sicurezza nazionale in raccordo con tutte le strutture dei ministeri competenti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Lupi: “Lega ha tolto il nome nord dal suo simbolo? Ha fatto bene. Ma no a Salvini leader della coalizione”

prev
Articolo Successivo

Di Maio: “Berlusconi dice che mi devo trovare un lavoro? Non ha più credibilità, fa le stesse promesse da 20 anni”

next