Con la legislatura al termine e le elezioni politiche già all’orizzonte, ogni coalizione prepara ormai le sue liste civetta. Obiettivo? Tentare di avvicinarsi al 40%, soglia ancora lontana sondaggi alla mano, per coltivare ambizioni di governo. E se il centrosinistra renziano potrà contare sul supporto di “Insieme”, con Verdi e Psi (in attesa della nascita della lista moderata e di +Europa) pure la coalizione di centrodestra targata Berlusconi-Salvini-Meloni avrà ora la sua “quarta gamba“. A Roma è così stata presentata la lista “Noi con l’Italia” che mette insieme orfani berlusconiani, alfaniani pentiti come Maurizio Lupi e Roberto Formigoni, ex leghisti poi espulsi come Flavio Tosi, ex montiani e pezzi di centro. Tutti insieme, nel tentativo di provare a superare la soglia del 3%, per sopravvivere. O almeno riuscire a strappare alcuni seggi uninominali sicuri. Il presidente del nuovo movimento sarà Raffale Fitto, ora nella vesti del figliol prodigo berlusconiano, dopo la rottura passata con il leader di Forza Italia e l’uscita dal partito, tra le polemiche. Tutto dimenticato, per Fitto “è il passato: è ora di tornare a costruire il centrodestra, Berlusconi compreso”. 

Anzi, è proprio l’ex premier e leader azzurro il punto di riferimento del nuovo soggetto politico, come spiega Enrico Costa, ex Ncd: “C’è una persona che sei mesi fa ha dato la traiettoria del centrodestra. Ed è Silvio Berlusconi“. Sono di nuovo lodi per il vecchio padre padrone del centrodestra. E Salvini? Per Lupi non è più un problema, dopo le polemiche ai tempi di Ap: “Si può governare insieme”. E prova a guardare oltre pure Tosi, già cacciato dalla Lega salviniana, che ora rilancia: “Non devono esserci veti”, non senza spiegarsi di volersi candidare. Ma nella lista ci sono anche ex verdiniani tornati nel centrodestra come Saverio Romano e il segretario di (quel che resta di) Scelta civica Enrico Zanetti. Assente invece Gaetano Quagliariello, che non ha aderito in extremis, almeno per ora. Per il resto, ci sono tutti o quasi i peones del vecchio centrodestra dentro “Noi con l’Italia” (mentre Udc ed ex democristiani proveranno a costruire un’altra lista, forse anche con Stefano Parisi di Energie per l’Italia, ndr). Insieme, con un unico obiettivo: provare a tornare in Parlamento. 

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Elezioni, Lorenzin: “Noi, normali e moderati, in campo contro estremisti Lega e incapaci M5s”

next
Articolo Successivo

Roma, Raggi: “Non mi ricandido, le regole del M5s sono chiare. Un successo arrivare viva a fine mandato”

next