Era stato rapito ieri prima del tramonto mentre tornava a casa dall’aeroporto, di ritorno da Istanbul dove si era recato in visita ufficiale a capo di una delegazione di funzionari locali. E poche ore dopo il sindaco di Misurata, Mohamed Eshtewi, è stato assassinato. Il suo corpo è stato poi gettato davanti all’ospedale di Safwa. Il quotidiano Libya Herald spiega che era insieme al fratello Ahmed e al loro autista, quando l’auto sulla quale viaggiavano è stata attaccata mentre era ferma al semaforo sulla via dell’aeroporto. Il fratello del sindaco è stato ferito con un colpo di pistola alla testa.

Sulla schiena di Eshtewi tre fori di proiettile, ma secondo il consigliere comunale di Misurata Mustafa Krwat, responsabile della sicurezza in città, la causa della morte è stato un duro colpo in testa. Il portavoce dell’ospedale di Misurata, Akram Glewan, ha parlato anche di ferite d’arma da fuoco alle gambe. Il fratello Ahmed è ora ricoverato in terapia intensiva in gravi, ma stabili condizioni all’ospedale di Misurata.

Gli assassini del sindaco di Misurata al momento non sono stati identificati, scrive il Libya Herald. I sospetti ricadono però su militanti islamisti attivi in città. Il Consiglio militare di Misurata, guidato dall’islamista Ibrahim Ben Rajeb, in diverse occasioni aveva tentato con la forza di ottenere le dimissioni di Eshtewi, contestato per il suo sostegno all’Accordo politico libico e alla Presidenza del Consiglio.

A maggio estremisti armati lo hanno costretto alle dimissioni, che però poco dopo son state ritirate. Un funzionario locale, che ha chiesto di restare anonimo, ha però messo in dubbio la possibilità che gli autori della linea dura possano essere gli autori dell’assassinio. “Hanno cercato di rimuoverlo per mesi. Ma ucciderlo non rientra nel loro stile”, ha detto a Libya Herald. Secondo la fonte, ad assassinare Eshtewi potrebbero essere stati i sostenitori del generale Khalifa Haftar o del defunto colonnello Muammar Gheddafi. “E non escludiamo Daesh”, ha aggiunto usando l’acronimo arabo del sedicente Stato Islamico (Is).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Austria, governo Kurz pensa a cittadinanza per i sudtirolesi. Roma: “Avrebbe effetti gravissimi”

next
Articolo Successivo

Austria: “I sudtirolesi potranno richiedere la cittadinanza austriaca già nel 2018”

next