Fino al 31 dicembre per via telematica, entro il 20 dicembre per via cartacea: sono questi i termini entro cui inviare la documentazione per usufruire dell’esenzione al canone Rai. I cittadini che non sono in possesso di un apparecchio televisivo avranno comunque tempo fino al 31 gennaio 2018 per comunicarlo all’Agenzia delle Entrate, con il modello di dichiarazione sostitutiva di non detenzione, disponibile online. Tuttavia, dal momento che la prima rata per l’anno 2018 scatta già a partire da gennaio, per evitare il primo addebito – e quindi di dover poi richiedere il rimborso – è preferibile presentare la dichiarazione sostitutiva nei termini previsti.

La presunzione di detenzione del televisore è stata introdotta dalla Legge di Stabilità del 2016, che ha previsto che, nel caso in cui esista un’utenza elettrica  di tipo residenziale all’indirizzo di residenza, il pagamento del canone tv per uso privato avvenga mediante addebito sulla bolletta elettrica, in 10 rate mensili.

Per superare questa presunzione ed evitare quindi l’addebito in fattura, i cittadini che non possiedono l’apparecchio televisivo devono dichiarare al Fisco che in nessuna delle abitazioni per le quali il dichiarante è titolare di un’utenza elettrica è detenuto un televisore (da parte del dichiarante stesso o di altro componente della famiglia anagrafica). Il modello può essere utilizzato anche da un erede per dichiarare che nell’abitazione in cui l’utenza elettrica è ancora temporaneamente intestata a un soggetto deceduto, non è presente alcun apparecchio tv.

Il modello è disponibile sui siti internet dell’Agenzia delle Entrate e della Rai. Nei casi in cui non sia possibile l’invio telematico, è prevista la presentazione del modello, insieme a un valido documento di riconoscimento, tramite servizio postale, in plico raccomandato senza busta all’indirizzo: Agenzia delle Entrate Ufficio di Torino 1, S.A.T. – Sportello abbonamenti tv – Casella Postale 22 – 10121 Torino. La dichiarazione sostitutiva può essere presentata anche tramite posta elettronica certificata. La dichiarazione di non detenzione ha validità annuale.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ilva, Cassa depositi e prestiti è vicina all’ingresso in AmInvestco: firmato un accordo non vincolante con gli acquirenti

next
Articolo Successivo

Ikea, indagine della Commissione Ue sugli accordi fiscali con l’Olanda: “Ha pagato meno tasse del dovuto”

next