Andate di fretta ma non volete rinunciare a dare l’ultimo saluto ad un amico o un familiare? Non preoccupatevi, la soluzione c’è anche se un pò lontana… Un’agenzia di pompe funebri di Nagano, in Giappone, offrirà infatti per la prima volta un servizio di “ricevimento” tramite drive-in. In pratica, si potranno porgere le proprie condoglianze  in fretta e senza scendere dalla propria auto, come potete vedere dal video che segue.

L’agenzia di pompe funebri Aishoden, che ha avuto l’idea, ha spiegato che il servizio è rivolto soprattutto ad anziani e portatori di handicap, più in generale a chi ha difficoltà a presenziare ad una cerimonia funebre. Ma anche, semplicemente, a chi non ha tempo di farlo.

Come appare chiaro dalle immagini, ci si reca nel luogo deputato e si ferma la propria vettura davanti a una “finestra” già predisposta. Si scrive il proprio nome e indirizzo su un tablet e si lascia un’offerta in denaro come da tradizione. Si può poi, come previsto dal rito funebre buddista, mettere a disposizione l’incenso e dire una preghiera verso l’altare.

Ma come faranno i partecipanti al “funerale drive-in” a far sapere ai parenti del defunto che erano presenti? Niente paura, i loro volti e le loro offerte saranno riprodotte sugli schermi all’interno della sala che ospita la funzione. Facile, no? Andiamo di corsa pure verso l’aldilà.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Autolavaggi, che passione. In Italia non possiamo proprio farne a meno

next