Sono quasi 93 mila le imprese sociali operative sul territorio italiano: una realtà in continua crescita, come dimostrano i dati presentati da Social Impact Agenda per l’Italia nel documento “Valore potenziale dell’impresa sociale“, curato da Paolo Venturi, direttore di Aiccon. L’imprenditoria sociale è una realtà che unisce libero mercato e giustizia sociale, coniugando la sostenibilità con la capacità di attrarre investimenti. Un modello che in Europa conta oltre 3 milioni di imprese attive nel Terzo settore, capaci di generare il 6,5% del totale dei posti di lavoro.

Nel rapporto presentato a Milano in occasione dell’evento “Impresa sociale anno uno” emerge come  in l’Italia ci siano oggi 61 mila 776 imprese for profit operanti nei settori dell’impresa sociale; 16 mila 918 cooperative sociali e 11 mila 940 organizzazioni non profit market oriented. A queste si aggiungono 1.874 imprese sociali ex lege, 16o startup innovative a vocazione sociale e 131 società benefit.

Restringendo l’analisi alle sole cooperative sociali, ora riconosciute come imprese sociali di diritto, emerge che fra il 2011 e il 2015 queste sono aumentate del 30% incrementando sensibilmente anche il numero di addetti, passato da 320.513 a 383.828 unità. Nello stesso periodo, circa 62.000 organizzazioni attive nel non profit hanno cessato la propria attività: oltre alla loro natura giuridica, gli elementi che incidono maggiormente e positivamente sulla sopravvivenza dei soggetti del terzo settore sono legati a una maggiore complessità organizzativa: maggiori risorse economiche e umane, radicamento sul territorio, lavoro con o per la Pubblica Amministrazione e forte orientamento per risposta al disagio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Amazon, accordo col fisco: pagherà 100 milioni per chiudere le controversie dopo le indagini della Guardia di Finanza

next