Due sorelle, Lucia e Filippa Mogavero, sono state uccise nella loro abitazione di Ramacca, nel Catanese. Secondo una prima ricostruzione le vittime, 70 e 79 anni, sarebbero state picchiate e accoltellate durante un tentativo di rapina, ritenuta la pista più probabile anche per il disordine provocato dall’omicida che ha messo a soqquadro l’appartamento. E’ stata una terza sorella, insegnante che abita nella stessa palazzina, a lanciare l’allarme chiamando i carabinieri una volta rientrata da scuola.

“Sono dei mostri per fare una cosa del genere: sono entrati e hanno fatto tutto quello che dovevano fare. E io non so il perché”, ha detto sotto shock Giuseppe Mogavero, carabiniere in pensione, fratello delle vittime. “La mia esperienza di carabiniere – ha aggiunto l’uomo – la tengo per me…”.

“E’ l’ennesimo massacro che si registra nel Calatino, sono già sette gli omicidi registrati. Alcuni dei quali molto efferati. Lavoriamo in condizioni molto difficili”, le parole del procuratore di Caltagirone, Giuseppe Verzera. “La scena del delitto – ha proseguito il magistrato – è raccapricciante. Donne picchiate e colpite con arma da taglio. Bisogna fermare questo massacro. Noi e le forze dell’ordine siamo impegnati al massimo con i problemi di organico e anche legati al territorio e alla criminalità presente”.

Di diverso avviso il sindaco di Ramacca, Giuseppe Limoni: “Una tragedia immane che ha gettato nello sconforto tutta la nostra comunità – ha detto il primo cittadino – nessuno di noi ha idea di chi possa aver commesso un gesto così atroce ed efferato. Siamo una comunità di 10 mila persone e ci conosciamo tutti, il nostro non è un paese che ha la violenza nel suo Dna”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Avvelenamento da tallio, Del Zotto risponde al gip: “Ecco come li ho avvelenati. Ho fatto tutto da solo”

prev
Articolo Successivo

Catania, 30enne arrestato per l’omicidio delle due sorelle in casa: ipotesi rapina

next