“Sono molte le responsabilità di quello che sta succedendo”. Beppe Giulietti, presidente della Fnsi, commenta così il blitz di Forza Nuova ieri alla sede di Repubblica e de L’Espresso a margine della presentazione del rapporto “Notizie da paura”  a Montecitorio. “Questa Costituzione è antifascista. Ma sono stati tollerati come se fossero parte del mobilio: tra un po’ avremo la par condicio, invitare un fascista per ogni partigiano che va in tv”. In Italia “gli idranti sono stati usati contro i neri eritrei ma non contro i fascisti”, dice Giulietti. “Lanceremo un appello: riprendere le inchieste di Repubblica e l’Espresso che sono state le cause dell’aggressione. Così come è stato aggredito Andrea Palladino, ad esempio, che ha lavorato per Il Fatto Quotidiano e per Famiglia Cristiana”. Decine, spiega il presidente della Fnsi, sono i colleghi minacciati. “Dobbiamo illuminare i covi di questa gente. Poi chiederemo al ministro Minniti di riunire immediatamente l’osservatorio sui cronisti minacciati. E il governo deve applicare la Costituzione. Il ministro Orlando ha detto che ci sono le norme per chiudere questi covi. E allora che si chiudano. Di cosa stiamo parlando?”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Migranti e media, Bellu (Carta di Roma): “Siamo tornati indietro. Aumentati toni allarmistici e fake news”

prev
Articolo Successivo

Fq Millennium, da sabato 9 dicembre in edicola il nuovo numero. “Il potere nel 2018. A partire da chi non ne ha”

next