Migrazioni e migranti: come sono stati raccontati dai media in Italia quest’anno? “Sembrava che il tema fosse entrato nella normalità, e l’anno scorso eravamo ottimisti”, spiega a ilfattoquotidiano.it Giovanni Maria Bellu, presidente dell’associazione Carta di Roma, a margine della presentazione del rapporto “Notizie da paura” a Montecitorio. “Siamo invece tornati alle vecchie abitudini“. Un esempio? “È stata contestata ai migranti di portare la malaria: sono notizie scientificamente falsi”.  “Notizie da paura” è il quinto rapporto annuale su media e immigrazione curato dall’Associazione carta di Roma insieme all’Osservatorio di Pavia, in collaborazione con l’Osservatorio europeo per la sicurezza
“Le bufale spostano blocchi di consenso. All’inizio dell’anno il 70% dei cittadini italiani era favorevole allo ius soli”, prosegue Bellu. “A settembre era meno del 50%: si è preso il tema dello ius soli, lo si è collegato al tema dell’attacco alle ong, si è fatto questo cocktail maleodorante e lo ius soli è stato travolto per motivi politici”.
Nel rapporto ci sono le parole legate ai migranti e quelle legate alle organizzazioni non governative. “Ci sono le parole del dubbio e del sospetto, finite in un mix lessicale che ha travolto tutto”, spiega Paola Barretta, ricercatrice senior presso l’Osservatorio di Pavia. La stessa parola “clandestino“, il cui utilizzo è nuovamente aumentato quest’anno, “è usata deliberatamente per stabilire associazioni negative, nella dimensione della guerra tra poveri, accusando gli stranieri di togliere risorse agli italiani”. “La paura fa ascolti”, aggiunge Ilvo Diamante. “Soprattutto nei periodi elettorali”, conclude Bellu. “Ma i giornalisti che rinunciano a raccontare la verità e falsificano le notizie non possono stare nell’Ordine”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Roma, giudice archivia la querela di alcuni giornalisti contro Di Maio: “Ha immunità parlamentare”

prev
Articolo Successivo

Blitz Forza Nuova, Giulietti (Fnsi): “Fino adesso fascisti tollerati come fossero parte del mobilio. Chiudere i loro covi”

next