Dopo la conferenza dei capigruppo, c’è il via libera per l’arrivo in Aula del disegno di legge sul Biotestamento. Gli alfaniani di Alternativa popolare hanno deciso di lasciare libertà di coscienza ai propri senatori, mentre ad annunciare ostruzionismo è la Lega Nord di Salvini: “Presenteremo anche in sula 1820 emendamenti“, ha spiegato il capogruppo Centinaio.  Per questo a rivendicare tempi certi per l’approvazione è il M5s: “C’è un problema. Per la riforma del regolamento hanno ottenuto una data certa, per il biotestamento no”, ha accusato il capogruppo Giovanni Endrizzi. Via libera alla legge arriverà anche dai gruppi della sinistra. Di fronte al pericolo ostruzionismo, è stato invece il capogruppo dem Luigi Zanda a rivendicare: “Vogliamo che il ddl diventi legge. Quando gli emendamenti diventano molto onerosi alcuni sono spesso simili e si annullano. Mi stupirei se su questioni così delicate, con in gioco la vita delle persone, venissero  usati strumenti ostruzionistici”
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Etruria, ascoltare Ghizzoni in commissione? Scontro Pd-M5s: “Marginale e irrilevante”, “Lo chiederemo, è fondamentale”

prev
Articolo Successivo

Biotestamento, la legge arriva in Senato. In diretta dall’aula la discussione generale

next