Manifestazione ‘contro ogni forma di schiavitù’ della Coalizione Internazionale Sans Papier e Migranti davanti all’Ambasciata della Libia a Roma. “Quanto sta accadendo in Libia – dicono i manifestanti – è la conseguenza delle politiche e degli accordi firmati in questi anni. Per questo chiediamo all’Italia di rivedere l’accordo con la Libia e all’Europa di modicane il Trattato di Dublino“. “Migliaia di migranti  – ci dice un attivista per i diritti umani – sono bloccati in Libia grazie agli accordi che l’Unione Europea e soprattutto l’Italia hanno fatto, pagando uno Stato che non c’è. Pagando quindi chi, questo è il punto interrogativo”. I manifestanti denunciano anche il saccheggio delle risorse naturali sul continente africano, la corruzione dei dirigenti degli Stati africani e la schiavitù in riferimento alla tratta dei migranti che si consuma in Libia: “In Libia i migranti li stanno vendendo, stanno morendo e questa è una cosa inumana ed intentabile nel ventunesimo secolo. Stiamo tornando indietro di secoli. L’umanità non è in vendita”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Diritti dei migranti, una strada obbligata

next
Articolo Successivo

Violenza contro le donne, le regole per i giornalisti: “Serve uso consapevole delle parole. No a ‘raptus’ e ‘gelosia’”

next